Miti da sfatare: chi ha detto che una lavatrice si giudica dai giri di centrifuga?

1 aprile 2020 Non attivi Di admin

A quanti giri di centrifuga si può spingere una lavatrice? La velocità della centrifuga è un indizio da non trascurare nella scelta questo indispensabile elettrodomestico. I ritmi di centrifuga nei vari modelli sono compresi, indicativamente, fra  1000 e 1800 giri al minuto. Questa velocità massima viene raggiunta, in genere, al termine del ciclo di lavaggio, per strizzare i panni e liberarli dell’acqua residua. Di pari passo con la velocità della centrifuga cresce il prezzo e il rumore, a meno che non si scelga un modello silenziato provvisto di sensori ‘anti rumore’. Attenzione, però, a non farsi fuorviare dalle apparenze.

In termini di prestazioni, infatti, non sempre i giri massimi più veloci si traducono necessariamente in prestazioni superiori. A volte le lavatrici più lente compensano la resa finale altre componenti oggetto di interventi tecnologici mirati da parte dei produttori, che sul campo sono in grado di ottimizzare le performance della macchina, mettendo in secondo piano il ruolo della centrifuga. Non è raro che le case madri investano la fetta maggiore della ‘torta’ di produzione nello sviluppo di altre parti della macchina che non siano la centrifuga, ciò spiega perché non bisogna ‘fissarsi’ su quello specifico aspetto per giudicare la qualità di un singolo modello, ma occorra fare invece una valutazione globale della lavatrice nel suo insieme. Le lavatrici in commercio tendono a dividersi in due categorie: le lavatrici a incasso (o integrate) o a libera installazione.

Se si vuole che la nuova lavatrice abbia un impatto minimo sulla tua cucina, sul bagno o sul ripostiglio o sottoscala, a seconda di dove si intende collocarla, quella a incasso potrebbe essere la migliore soluzione. Queste macchine, infatti, sono fatte apposta per sparire alla vista, per non farsi vedere e rendersi di fatto invisibili, come se non ci fossero, quindi il loro impatto sugli equilibri domestici pre-esistenti è quasi pari a zero, fondendosi con il contesto senza minimamente alterarlo, della serie la lavatrice c’è, ma non c’è. D’altro lato, le lavatrici a libera installazione sono progettate per stare da sole, in vista. Tendono ad essere un po’ più grandi dei modelli a incasso e possono essere installate ovunque ci sia una presa di corrente e uno scarico ad hoc.